I Palii 2018

Schermata 2018-09-10 alle 11.00.24.png
Schermata 2018-09-10 alle 10.59.57.png

Vi presentiamo Marco Alfieri che ha curato anche quest'anno la realizzazione dei Palii 

Ciao Marco, grazie per il tuo tempo. 

Ci racconti di te? 
Sono nato a Parma nel 1991. Dopo essermi diplomato al liceo scientifico G. Ulivi, ho conseguito la laurea specialistica in Biotecnologie. 

La passione per l'arte la coltivo sin da bambino, ma è solo dal 2014 che ho deciso di mettermi in gioco, cominciando a dipingere ad olio sotto i consigli e la guida del maestro parmigiano Stefano Magnani.

Dal 2016 ho approfondito come autodidatta la tecnica del disegno realistico a matita e carboncino, in cui ora sono più attivo. Gestisco una pagina facebook: Marco Alfieri art in cui pubblico ogni mia opera. 

Questa è la settimana del #paliodiparma, Marco cosa rappresentano i tuoi Palii? 

Dopo aver partecipato per anni al Palio di Parma come atleta con porta S. Francesco, dal 2016 ho l'onore e il piacere di dare il mio contributo come pittore dei tre drappi. 

Quest'anno, nei drappi del palio dello scarlatto e del panno verde, ho voluto che la madonna, a cui è dedicata la manifestazione, avesse un ruolo centrale. In particolare per il palio dello scarlatto, la madonna è rappresentata come custode di alcune delle bellezze di parma, quali il battistero, il vescovado, il teatro regio, la vista dal lungoparma, il palazzo del governatore e il duomo. 

Come nelle due edizioni precedenti, per il pallium asinorum, una corsa dedicata principalmente al divertimento dei bambini, ho pensato l'asino dovesse essere la figura centrale, in modo che il drappo stesso susciti ilarità e simpatia ai contendenti.

#ilpaliostarrivando